L’AIRE e l’iscrizione anagrafica degli italiani all’estero: guida completa

Home

L’AIRE e l’iscrizione anagrafica degli italiani all’estero: guida completa

29 Settembre 2023

Se sei un cittadino italiano che ha deciso di trasferirsi all’estero, l’iscrizione anagrafica degli Italiani residenti all’Estero (A.I.R.E.) è un passo fondamentale per garantire il corretto esercizio dei tuoi diritti e doveri. In questo articolo, esploreremo cos’è l’AIRE, chi è tenuto a iscriversi e chi può evitarlo.

Cos’è l’AIRE e per chi è un dovere?

L’AIRE è stata istituita con la legge 27 ottobre 1988, n. 470 – Normattiva, e rappresenta uno strumento importante per mantenere aggiornate le informazioni sulla residenza degli italiani che vivono all’estero. Gestita dai Comuni sulla base dei dati forniti dalle Rappresentanze consolari, l’AIRE gioca un ruolo chiave nell’assicurare l’esercizio di diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione italiana.

Chi deve iscriversi all’AIRE?

L’iscrizione all’AIRE è un diritto-dovere per i cittadini che stabiliscono all’estero la loro dimora abituale. Questa registrazione è obbligatoria sia per coloro che nascono all’estero o che acquisiscono la cittadinanza italiana successivamente e per coloro che decidono di fissare all’estero la loro dimora abituale.

Chi non deve iscriversi all’AIRE?

Alcune categorie di cittadini sono esentate dall’iscrizione all’AIRE. Questi includono coloro che si recano all’estero per un periodo inferiore a un anno, i lavoratori stagionali, i dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero notificati secondo le Convenzioni di Vienna e i militari italiani presso le strutture della NATO all’estero.

Procedura di iscrizione all’AIRE: passo dopo passo

L’iscrizione all’AIRE, come riportato sul sito del Ministero degli Affari Esteri, è un processo che richiede l’attenzione dell’interessato entro 90 giorni dal trasferimento della residenza resa all’Ufficio consolare competente. Può essere effettuata attraverso il portale Servizi Consolari Online (esteri.it), compilando l’apposito modulo di richiesta. Per le relative modalità ti rimando al portale dell’Ufficio consolare competente per territorio di residenza Servizi Consolari Online (esteri.it).

I vantaggi dell’iscrizione all’AIRE

L’iscrizione all’AIRE apre le porte a una serie di servizi consolari, nonché per l’esercizio di alcuni diritti tra cui la possibilità di votare per corrispondenza nelle elezioni politiche e di referendum, la partecipazione alle elezioni dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo, il rilascio di documenti di identità e di viaggio, la richiesta di certificazioni delle Rappresentanze all’estero e il rinnovo della patente di guida nei Paesi extra U.E.

Per questioni di natura fiscale, è importante fare riferimento al Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 (TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI) e alle Circolari dell’Agenzia delle Entrate.

Iscrizione anagrafica degli italiani all’estero: conclusioni e approfondimenti

In conclusione, l’iscrizione anagrafica degli italiani all’estero (AIRE) è un passo importante per garantire una transizione senza intoppi nel nuovo contesto di vita all’estero. Ricorda che l’iscrizione è gratuita, e il suo corretto completamento è essenziale per godere appieno dei tuoi diritti e doveri come cittadino italiano all’estero.

Leggi l’articolo di approfondimento che spiega se è invece possibile sostare col camper per lunghi periodi nello stesso Paese.

La felicità è una conquista è disponibile in versione ebook e cartacea dal 21 giugno 2023
La felicità è una conquista è disponibile in versione ebook e cartacea dal 21 giugno 2023

CLICCA QUI!