Abbigliamento e accessori da trekking per famiglie con bambini

Home

Abbigliamento e accessori da trekking per famiglie con bambini

22 Febbraio 2021

Il trekking è un’attività che non può mai mancare all’interno dei nostri itinerari di viaggio in famiglia. Normalmente, assieme alla nostra bimba quattrenne, amiamo dedicarci alle escursioni nei periodi più tiepidi, come autunno e primavera. Prediligiamo itinerari semplici, spesso anche percorribili con un passeggino, all’interno di boschi o riserve naturalistiche. In estate ci piace fare trekking nei luoghi freschi di montagna, partendo da casa molto presto al mattino. In inverno, finora, non abbiamo mai provato le ciaspolate (trekking sui monti con la neve). Anche se l’idea ci intriga, ci siamo sempre trattenuti in città andando alla ricerca di nuovi posti al verde. Ma la cosa importante da considerare, in generale, non è tanto il luogo (quello dipende da gusti soggettivi) quanto la selezione di abbigliamento e accessori da trekking più adatti alla circostanza. Capire bene come vestirsi, come vestire i più piccoli e che oggetti avere sempre in borsa è fondamentale.

abbigliamento e accessori da trekking

Zaino da trekking

Che tipo di modello scegliere?

Partiamo da quello che considero un accessorio immancabile per praticare trekking: lo zaino. Quanti tipi esistono? Come scegliere quello più adatto? Ancora una volta: tutto dipende dalle esigenze. Dato che in commercio ce ne sono diversi partirei da una classifica. Per le famiglie ci sono zaini omologati per il trasporto dei più piccoli, che ancora non camminano autonomamente. Sono ottimi modelli dotati di seduta, tettuccio e taschini. Sono confortevoli ma soprattutto progettati per trasportare i bebè in sicurezza, hanno infatti diverse cinte e agganci. Prima di acquistarli assicuratevi ci siano tanti taschini esterni. Le tasche sono funzionali per riporre oggetti quali biberon, chiavi, porta ciuccio, giocattoli, snack o telefono ma soprattutto permettono di tirarli fuori all’occorrenza senza dover aprire la cerniera ogni secondo.  

Se i bambini sono autonomi invece esistono gli zaini da trekking classici. In questo caso, dopo aver valutato dimensioni e capienza, consiglierei di soffermarsi sul tessuto. Spesso quelli in nylon impermeabili sono i migliori: sono più resistenti all’acqua e hanno una struttura ammortizzata in grado di alleviare dolori ai muscoli o alla schiena.

Cosa riporre allinterno di uno zaino da trekking?

Che ci si prepari ad affrontare un percorso facile, intermedio, o più complesso è importante non dimenticare di riporre nello zaino alcuni accessori indispensabili. Tra questi i MUST sono: 

-Un cambio. Nel mio zaino inserisco sempre un set di biancheria intima da ricambio (mutandine, calzini, body) un pantalone, una maglietta, una felpa. Durante la passeggiata un bambino può sporcarsi o bagnarsi. Avere un cambio asciutto da usare in momenti di emergenza è fondamentale.  

Una borraccia. Le termiche in questo caso sono ottime. Mantengono a temperatura i liquidi (sia caldi che freddi) per oltre 24 ore. Si possono riempire con acqua fresca, ma anche con bevande calde quali camomilla, tè, tisane. Quando mia figlia aveva 2 anni ero solita riempire la borraccia di acqua bollente, diluirci sughetti o preparare pappe istantanee in polvere.

borraccia termica trekking

Crema solare. Il sole in montagna picchia forte, in qualsiasi stagione. Nello zaino deve sempre esserci una crema solare. La protezione? Sempre meglio eccedere. Noi prediligiamo quelle totali (es protezione 50) Come dice il proverbio? Meglio prevenire che curare!  

-Snack. Un succo di frutta, un panino, qualche biscotto. Insomma, lo snack preferito del bimbo. Nei momenti di pausa, quando ci si ferma per rifocillarsi, avere qualcosa da sgranocchiare fa sempre piacere.

Astuccio primo soccorso Da portare sempre e ovunque. Un astuccio dove riporre il kit di primo soccorso indispensabile da usare nei momenti di emergenza. All’interno non possono assolutamente mancare un termometro, uno stick anti-puntura – per il prurito provocato da insetti e zanzare – dei cerotti, un antipiretico, un antistaminico.

Se si pratica trekking con bambini (0-3) è scontato riporre nello zaino una scorta di pannolini e tutto il necessario utile al cambio (salviettine, cremine, ecc)

Come vestirsi?

Abbigliamento e accessori da trekking per tutta la famiglia

Per praticare trekking è consigliabile indossare capi comodi e sportivi, traspiranti e non troppo fascianti. Inoltre, una buona abitudine sarebbe quella di vestirsi a strati, soprattutto in inverno. L’abbigliamento a strati, comodo e funzionale, è determinato da una base di biancheria intima termica, a seguire maglietta o t-shirt, doppio maglioncino oppure maglioncino leggero + felpa pesante, giacca a vento impermeabile (imbottita in inverno)

Analizziamo ora nel dettaglio i diversi capi. Dopo la mia esperienza vorrei suggerirvi quelli che secondo me sono i modelli migliori da indossare.

abbigliamento e accessori da trekking

Biancheria termica (body o canotta) + maglietta trekking

Esistono dei modelli di biancheria intima termici comodi ma soprattutto adatti a chi frequenta la montagna in inverno e si dedica a qualsiasi sport o attività all’aperto: sci, snowboard, escursioni, campeggio. Questi modelli mantengono il corpo al caldo e non lasciano traspirare aria fredda. Sono indicati sia per adulti che per bambini. Di solito, poi, sono elasticizzati e traspiranti. Il che significa lasciare il corpo libero di muoversi e non comprimerlo. E poi anche la pelle deve respirare. La biancheria termica è perfetta perché assorbe il sudore e permette di rimanere sempre asciutti.

Maglione e/o felpa da trekking

Se si pratica trekking in inverno è importante coprirsi bene. Sopra ad una maglietta si può indossare un doppio maglione oppure un maglioncino meno pesante + una felpa. L’importante è scegliere maglioni lisci e privi di pelucchi. Vi immaginate sudare e sentirsi appiccicati al collo quei fastidiosissimi peli di lana? Volendo sostituire il maglione con una felpa consiglierei di optare per quelle con chiusura zip totale, in pile. Sono morbide, calde e anche abbastanza leggere da trasportare nello zaino. In estate, invece, vanno benissimo maglioncino e/o felpa di cotone, maglietta leggera o t-shirt.

trekking con bambini

Pantaloni e scarpe da trekking

Anche per quanto riguarda i pantaloni da trekking consiglierei di optare per un paio lungo, comodo, non fasciante, adatto alla stagione. D’estate è più facile fare trekking, ci si veste con poche cose, si prediligono capi corti e freschi. Per questo periodo sono ottimi i pantaloni bermuda elasticizzati dotati di tasche. In inverno invece ci sono dei modelli più coprenti, caldi dentro, fuori impermeabili, progettati con tessuti resistenti all’usura.  

Le scarpe, invece, dato che dovranno accompagnarci e sostenerci per tutto il tragitto, dovranno non solo calzare alla perfezione ma essere comode, morbide e antiscivolo. Online è possibile acquistare modelli adatti sia per adulti che per bambini. Ci sono i classici scarponcini da donna e uomo, forse non particolarmente belli esteticamente ma comodi, economici e adatti per passeggiare sui terreni scoscesi. E poi ci sono le scarpine da trekking per bambini 3+ , spesso unisex, leggere e adatte anche ai primi passi.

Abbigliamento e accessori da trekking: consigli vari

In questo ultimo paragrafo dedicato all’abbigliamento e accessori da trekking inserisco una carrellata di oggetti utili, ma a volte completamente dimenticati, che se portati durante un’escursione possono fare la differenza.

Occhiali da sole adatti alla montagna, caratterizzati da montatura leggera e lenti polarizzate, guanti sportivi, bastoncini da trekking, pieghevoli e in alluminio adatti a percorrere sentieri di montagna, berretto, asciugamano piccolo, fazzoletti, elastici per capelli, marsupio, torcia, utile per illuminare in caso di emergenza o percorsi bui, integratori a base di sali minerali.

trekking paesaggio

Oltre a questi poi, per le famiglie che non vogliono acquistare direttamente uno zaino da trekking per il trasporto bimbo, perché magari praticano escursioni sporadicamente o perché vogliono ammortizzare le spese, potrebbe tornare utile approfondire l’argomento sui migliori passeggini leggeri da viaggio, a tre o quattro ruote, adatti anche per percorrere sentieri di trekking, fare gite, o scampagnate in generale.

Abbigliamento e accessori da trekking in conclusione.

Il trekking ultimamente sta assumendo sempre più rilevanza all’interno degli itinerari di viaggio. Sempre più località promuovono attività di trekking, adatte ad esperti, a chi lo pratica per diletto o magari, come ho specificato finora, per chi si muove con dei bambini piccoli. In alcune regioni d’Italia peraltro si sta diffondendo sempre di più un tipo di trekking di nicchia: naturalistico, urbano, a passo lento nei borghi.

A tal proposito vi lascio un articolo dedicato ai Borghi del Sud Italia: i 5 più belli dove troverete anche consigli su degli insoliti tour, della durata di più giorni, da fare a piedi per vivere una regione da vero locale e conoscere luoghi meno turistici.

Autore articolo: Alessia Panzironi dal blog di viaggi Prontivaligiaevia.com. Mi trovate anche su Instagram e su Youtube

Hai ancora dubbi?

PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA!

PRENOTA SUBITO!