Vivere in camper lavorando da remoto: i nomadi digitali.

Home

Vivere in camper lavorando da remoto: i nomadi digitali.

12 Marzo 2021

Quante volte hai immaginato di acquistare un camper per vivere da fulltimer o programmare un viaggio in tutta Europa, magari intorno al mondo? Immagino tu abbia trovato in rete molti esempi di nomadi digitali e fulltimer e questo non fa altro che spronarti a realizzare il tuo sogno. E allora cosa te lo vieta?
Provo a indovinare: l’assenza di un’entrata non sufficiente ad affrontare il viaggio!
Non disperare: è l’ostacolo più grande per tutti! Continuando a leggere questo blog post scoprirai nel dettaglio una delle tante possibilità che hai di mantenerti per vivere in camper viaggiando.

Lavorare da remoto e personal branding

In questo post non mi soffermerò sulle tecniche e gli strumenti da utilizzare, in quanto online (e non solo) puoi già trovare ottimi contenuti. Qui vorrei farti riflettere sul perché dovresti decidere di imparare a promuoverti online, ovvero guardare a internet non solo come una forma di intrattenimento o poco più, ma anche e soprattutto come un mezzo per riuscire nella tua personalissima impresa, che sia vivere da fulltimer o programmare un viaggio intorno al mondo in camper, in moto, in bici o zaino in spalla.

Se hai delle competenze da poter sfruttare da remoto, sia da freelance che da imprenditore, ti spiegherò come la tua presenza online può influenzare la buona riuscita del tuo progetto.
Voglio introdurre il tema del personal branding da utilizzare come chiave di volta per promuovere le nostre competenze in rete per diventare nomadi digitali. Lo farò partendo dal testo “Fai di te stesso un Brand – Personal branding e reputazione online” di Riccardo Scandellari.

Nomadi digitali che vogliono vivere in camper: il percorso!

Premessa al fulltimer per vivere in camper

Diamo per scontato che un fulltimer, o aspirante tale, non abbia molti grilli per la testa sulle comodità quotidiane che un appartamento con la A maiuscola può effettivamente regalare. Un fulltimer cerca ben altri agi e lussi… Ciò che cerca un fulltimer, e che altri occhi potrebbero vedere come una seccatura, è il contatto con la natura ben oltre la passeggiata nel parco in città. Proprio per questo motivo non occorrono grandi cifre per poter mantenersi per vivere in camper, caro aspirante titubante viaggiatore intorno al mondo e quasi fulltimer!

Monetizzare da subito mentre si diventa nomadi digitali

Iniziare un percorso da nomadi digitali non è così immediato come potrebbe sembrare, dunque non esiste solo un lavoro da cercare… Ne puoi e ne devi fare diversi che ti richiedano meno tempo.
Se cercherai qualcosa di flessibile che ti consenta di lavorare da remoto senza orari fissi è probabile che già soltanto questa selezione ti metterà in contatto con persone che sanno rimboccarsi le maniche. Ma questo filtro non basta ancora; tu vuoi diventare un fulltimer giusto? Quindi, in aggiunta ai lavori da remoto, dovresti cercare attività che prevedono un contatto con la natura e spazi aperti in generale, collaborazioni con chi già vive da fulltimer, con chi lavora nel settore viaggi (lockdown permettendo) o nel settore trasporti.
Questo ti permetterà di iniziare a guadagnare qualcosa mentre inizi il tuo cammino nel lungo percorso dei nomadi digitali.

Trovare le prime collaborazioni e i primi lavori.

Fai una lista di attività con le quali vorresti collaborare e inizia a scrivere per ognuna di queste cosa potresti fare per loro includendo quale convenienza trarrebbero se scegliessero te. Quando avrai raggiunto almeno una decina di categorie fermati e cerca online le attività corrispondenti e le forme di collaborazione più adeguate. Se non hai un’ordine di preferenza potresti contattare prima chi ti sembra più entusiasta di ciò che fa.
Utilizza dei punti di contatto in grado di attirare la curiosità di chi stai ‘disturbando’ nella sua pausa caffè e metti sempre un pizzico di creatività con tanta buona educazione.

Cosa puoi offrire?

Pensa a soddisfare le esigenze di chi ti offre un lavoro perché per pensare alle tue ci sarà sempre tempo in un momento successivo (se non sei disposto a dare prima di ricevere non farai molta strada).
Esplora la possibilità di evidenziare eventuali passioni che avete in comune (magari quella per i camper, per i viaggi intorno al mondo o per lo stile di vita da fulltimer?)

In base alle tue competenze, rivolgiti alle strutture che più hanno bisogno di lavori stagionali (campeggi, B&B, servizi diving, ristorazione, agenzie turistiche e chi più ne ha più ne metta).
Prima ancora di interfacciarti con chi offre un lavoro in cambio di remunerazione o altre utilità impara a chiederti come potresti essere concretamente utile al fine di mostrarti determinato e pronto per lavorare. Una candidatura che si propone con già un’idea chiara di ciò che potrà fare per aiutare chi la riceve è una candidatura potenzialmente vincente. Sfrutta la tua passione per l’obiettivo che vuoi raggiungere e cerca di far capire da quale spirito sei animato.

I punti di forza dei nomadi digitali

Utilizza i punti di forza di un fulltimer che girovaga per il mondo!
Eh si, ci hai pensato che vivendo ovunque puoi essere ovunque e lavorare ovunque?
Saper spiegare un prezzo competitivo con la tua scelta di vita potrebbe essere un’altra arma vincente. Ebbene si, anche questo è un nostro punto di forza! Spendiamo “meno” e quindi possiamo accontentarci di “meno” per iniziare! Baratta ciò che sai fare con forme di pagamento diverse dal denaro: se ti rivolgerai a persone che ragionano fuori dagli schemi potrai ottenere risultati inaspettati: ospitalità, formazione, scambi culturali, etc.
Impara a vivere più alla giornata senza l’ansia dello stipendio fisso da ottenere a fine mese.

Tante piccoli passi per arrivare lontano!

Dovresti quindi sforzarti di cambiare approccio rispetto alla ricerca di un lavoro più o meno tradizionale. Inizia a ragionare in termini di “tante piccole possibilità fanno una grande possibilità”. Se vivere in camper è il tuo più grande sogno non ti risulterà molto difficile!

Nomadi digitali e Personal Branding.

“Ben Casnocha, guru dell’imprenditoria digitale, in un’intervista in occasione dell’evento ‘Meet the media Guru’ a Milano, raccontò come i social media avrebbero cambiato le dinamiche delle relazioni in ambito lavorativo. “Le relazioni sono fondamentali per la propria carriera e i social network e la tecnologia possono aiutare a facilitare i contatti e a
individuare un team con il quale creare legami forti e lavorare per interessi comuni, che può sostenerci nella nostra attività. L’importante è creare delle relazioni che puntino alla qualità, cioè che siano in grado di durare nel tempo e di rinnovarsi in base ai cambiamenti che si verificano nel mondo.’” (Fai di te stesso un Brand – Personal branding e reputazione
online, di Riccardo Scandellari).

Cos’è il personal branding?

In pratica, nel 2012 Ben Casnocha ha fornito una chiave di lettura per svelare come sarebbero cambiate le dinamiche delle relazioni in ambito lavorativo grazie alla rapida diffusione della rete 2.0. Chiave di lettura di un fenomeno che nel 2012 era ormai affermato e consolidato per gli addetti ai lavori. Il saper promuovere le proprie competenze in rete, o se preferisci il personal branding, è un concetto tanto importante (e
abusato) quanto sconosciuto al grande pubblico.
Guest post, interviste, commenti con la C maiuscola, guide di aiuto, ebook gratuiti, ecc. sono strumenti molto validi per farsi conoscere (se utilizzati sapientemente).
Difficilmente un contenuto testuale, però, potrà farti arrivare a chi sta dall’altra parte dello schermo come può farlo un video supportato da competenze chiare e mostruosamente belle da scoprire, ovvero che funzioni anche da intrattenimento (un esempio su tutti: Marco Montemagno).

Meglio pochi ma buoni

Non per forza occorre fare numeri giganteschi o tentare il contenuto virale (che come altra faccia della medaglia può essere effimero se appunto non è supportato da competenze solide). L’importante è fare i numeri che contano per te e la tua attività o progetto, ovvero quelli che ti permettono di realizzare i tuoi obiettivi, piccoli o grandi che siano. Nel
tuo piccolo, se sei bravo a fare una singola cosa e impari anche a renderla visibile e disponibile al pubblico online, un passo dopo l’altro, hai già iniziato a promuovere ciò che sai fare bene (molto bene).
Ma prima delle interviste, dei guest post, dei video…prima di tutto, l’atteggiamento mentale!

L’atteggiamento mentale

Andando oltre le strategie e i contenuti che puoi adottare per promuoverti online, un atteggiamento mentale positivo e volto a risolvere i problemi è una precondizione essenziale, ma non è l’unica. Affinché tu possa reggere lungo il cammino del personal branding, occorrono motivazione e passione smisurate per quello che fai.
Questo blog post non vuole essere soltanto una piccola spinta a farti decidere di promuoverti online nel migliore dei modi, ma soprattutto a guardarti meglio per non mentire a te stesso e di conseguenza agli altri.

Tanta determinazione

Il personal branding non è la cura risolutiva affinché tu possa trovare o moltiplicare opportunità di lavoro dall’oggi al domani, anzi è un percorso che va costruito, nel senso che potrebbero volerci mesi o addirittura anni affinché tu possa raccogliere i primi frutti. Devi essere prima di tutto credibile! E potrebbe essere un percorso non adatto a te se non sei disposto a cambiare qualcosa del tuo modo di essere e di porti verso il prossimo (ma questo è un altro argomento).

Essere credibili

Come posso fidarmi di te?
Per intraprendere un percorso di questo tipo devi essere consapevole che ti stai affacciando al mondo proponendo te stesso a persone che non conosci e che vedranno di te solo una vetrina: meglio che sia il più pulita possibile, non trovi? Gli imbroglioni online non fanno molta strada. Se vengo attratto dalla tua vetrina, ma guardando bene scopro che hai acquistato recensioni fasulle, che sei scostante e inaffidabile, che spedisci oggetti non conformi a quanto pubblicizzato, che mi consigli di acquistare servizi e prodotti soltanto perché ne hai un tornaconto e non perché li hai trovati ottimi, quanta strada pensi di riuscire a fare?

Se vuoi promuoverti online, devi essere onesto prima di tutto con te stesso e poi anche con gli altri: per dare le tue competenze alla rete è una caratteristica essenziale. Poniti prima alcune domande per capire se sei pronto . Super competenze, super buona educazione e super buon senso faranno il resto!

Conclusioni per vivere in camper da nomadi digitali.

Infine, questi sono solo dei suggerimenti per ispirarti a trovare la tua personale via verso una vita da fulltimer, ma ricorda che devi essere tu a rimboccarti le maniche cercando ciò che più ti si addice. Vedrai che riuscendo a porti al mondo con questo nuovo approccio avrai già fatto un primo piccolo passo senza nemmeno accorgertene.
Il trucco è vedere le cose in modo diverso, immedesimarsi nella vita di un fulltimer anche se ancora non lo sei, quindi porsi le domande corrette per scoprire come mantenersi per vivere viaggiando in camper .

Hai ancora dubbi?

PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA!

PRENOTA SUBITO!