Sosta libera in camper: come farlo in sicurezza.

Home

Sosta libera in camper: come farlo in sicurezza.

25 Ottobre 2022

Che bello viaggiare e/o vivere in camper, ma che paura questa benedetta sosta libera! Se solo qualcuno mi desse dei consigli per la sicurezza della sosta libera in camper!

Eh si, se sei qui vuol dire che anche tu sei affascinato da questo stile di vita ma hai paura che possa succedere qualcosa di brutto.

Sicuramente hai anche visto i miei post e le mie storie sui miei canali social e ti chiedi come non abbia paura.

sosta libera camper

Lo so, da un lato vorresti tanto essere anche tu in questi posti meravigliosi in mezzo alla natura e dall’altro al solo pensiero sei terrorizzat@.

Se anche tu sei un camperista alle prime armi o se semplicemente sei sempre e solo andato in campeggio, lascia che ti dica come sentirti completamente sicur@ anche in sosta libera.

Rimani con me fino alla fine di questo articolo perché ti lascerò tutti i link di approfondimento per gli acquisti di tutti gli accessori e per fissare una consulenza privata telefonica gratuita con me.

Chi sono io per darti questi consigli?

Se ancora non mi conosci mi chiamo Daniela De Girolamo, calabrese classe 84, e ho alle mie spalle i seguenti primati:

  • vivo in camper da sola da settembre 2018;
  • ho girato più di 12 paesi europei e sono stata 3 mesi in Marocco;
  • ho passato una pandemia mondiale a 3500 km da casa;
  • faccio solo sosta libera da più di 1800 notti, passate in totale sicurezza (mai un furto, mai un problema)!

Consigli sulla sicurezza per la sosta libera in camper.

La scelta del posto.

Sembrerebbe scontato, ma la scelta del posto è fondamentale.

Viaggiare in camper e avere fretta non sono affatto sinonimi, soprattutto quando si tratta di trovare un posto sicuro dove passare la notte o dove lasciare la nostra casetta incustodita.

Fate piuttosto un giro in più se il posto che avete scelto non vi convince!

O ma come scegliere il posto giusto? Fatta premessa che non si può generalizzare totalmente e che non ho la sfera di cristallo per immaginare ogni possibile combinazione di variabili, ma a grandi linee, sicuramente il posto giusto potrebbe non essere:

  • al centro delle grandi città (Milano, Roma, Napoli, Barcellona, Marsiglia, etc);
  • in strade poco trafficate e/o troppo buie;
  • in strade vicino a centri di microcriminalità (stazione treni, viali di prostitute, piazze di spacciatori);
  • in autostrada (in mezzo ai camion).

Via libera, invece, a:

  • piccoli paesi;
  • luoghi in mezzo alla natura;
  • davanti a banche e grandi negozi videosorvegliati;
  • cimiteri;
  • caserme;
  • aree sosta gratuite;
  • parcheggi con altri camper (abitati);
  • in autogrill (davanti a bar ben illuminati).

Mai essere troppo sinceri!

Sarò forse troppo prudente ma onestamente non ho mai usato, col primo sconosciuto incontrato per strada, frasi tipo (con relativa traduzione):

  • siccome sono sola, dove mi consigli di andare a dormire? (venite pure se avete brutte intenzioni);
  • vado a visitare un museo, a dopo! (il camper sarà incustodito per almeno 2 ore);
  • abbiamo il camper parcheggiato in tale posto (in camper non c’è nessuno);

Piuttosto mi sentirete sempre dire:

  • sto aspettando che torni il mio ragazzo/che arrivino i miei amici col camper, dovevano già essere qui! (non sono sola);
  • vado a fare una telefonata torno subito (potrei tornare da un momento all’altro);
  • viaggio in macchina e sono ospite a casa di amici (non sono sola in città).

Ho reso l’idea?

Un buon antifurto.

Sicuramente un buon antifurto è un ottimo deterrente, soprattutto se scegli di installarne uno con una sim dati che faccia da GPS e che, come il mio, ti invii una chiamata (con la possibilità di ascoltare cosa succede in camper), sia un SMS con la posizione.

Magari ogni tanto fai come me, fallo suonare “per sbaglio” se vedi persone poco rassicuranti nei dintorni del camper.

Bloccasterzo o catena

Anche un buon bloccasterzo o una catena robusta possono essere un deterrente, ma soprattutto una fastidiosa perdita di tempo per il mal intenzionato, quindi sicuramente meglio averla che non averla.

Destare sospetti.

Sia che tu sia in camper o che il camper rimanga incustodito, credo che meno indizi si lascino e meglio è. Come in una vera e propria scena del delitto, ma sta volta per evitarlo!

E’ una mossa intelligente, quindi, lasciare sempre tende e/o oscuranti (link all’ultimo paragrafo) chiusi almeno a metà in modo che da fuori non si sappia né se c’è qualcuno o meno, né se siamo soli o no!

Consigli per la sosta libera quando sei dentro il camper.

Chiusure aggiuntive interne.

I soldi meglio spesi per la sicurezza in camper, sono sicuramente le chiusure aggiuntive, sia interne che esterne (vedi paragrafo dedicato).

C’è chi ti dirà “se vogliono lo aprono lo stesso!”. Ok, ma se io fossi un ladro sceglierei di aprire un camper senza dover perdere tempo e soprattutto senza dover fare troppo rumore.

Esistono chiusure aggiuntive specifiche per camper come quelle che mostro nell’articolo “dotazioni essenziali” (link all’ultimo paragrafo) oppure puoi arrangiarti con delle cinghie e/o lucchetti vari.

Un cane per amico (e per antifurto).

Ovvio, viaggiare con un compagno peloso è un’avventura straordinaria, ma anche molto utile!

Se hai un cane da guardia, di grossa taglia, sicuramente ti sentirai molto più protetto in caso di tentativi di intrusione notturna, ma non sottovalutare i piccoletti come il mio, sempre pronti ad abbaiare in caso di rumori sospetti.

Ma ti dirò di più, sia che tu abbia un pastore tedesco, o un barboncino e sia che tu non abbia veramente un cane, sicuramente mettere un cartello “attenti al cane” o lasciare un’enorme ciotolona fuori dal camper, metterà in allerta i male intenzionati.

Tende ed oscuranti

Come accennavo prima, è importantissimo dare meno informazioni possibili all’esterno, quindi tenete sempre bene chiusi oscuranti o tende quando cala il buio e se non le avete, tranquilli, vi lascio il link nell’ultimo paragrafo.

Ulteriori consigli sulla sosta libera quando sei in camper

Ai consigli appena elencati mi sento di aggiungere questi altri che in realtà sono degli accessori e delle applicazioni da avere sempre con te (con relativi link all’acquisto):

Inoltre ho:

  • impostato la condivisione permanente della mia posizione con mia mamma, tramite Google Maps;
  • scaricato l’app “112 Where ARE U” che mi permette di mandare la posizione esatta, in tempo reale, al 112 in caso di emergenza.

Se lasci il camper incustodito in sosta libera.

Abbiamo già parlato di antifurto, chiusure e bloccasterzo che ovviamente dovrai utilizzare ogni volta che lasci il camper incustodito. Vediamo ora altri trucchi e strataggemmi per andare via davvero tranquilli:

  • lascia le luci e la radio accesi in modo da far sembrare che c’è ancora qualcuno sul camper;
  • quando esci controlla sempre chi c’è intorno e se ci sono persone sospette piuttosto tergiversa un po’ prima di allontanarti;
  • se ci sono macchine con individui “sospetti” (uomini soli che apparentemente non stanno facendo nulla) segnati la targa e fai in modo che capiscano che lo stai facendo;
  • quando torni verso il camper, se sei in una zona buia e un po’ isolata, controlla che nessuno ti stia seguendo prima di aprire il camper;
  • tieni nascosto uno Smart tag all’interno del veicolo perchè i ladri più abili riescono a disattivare i GPS ma non i Tag che funzionano con tecnologia bluetooth.

Resta connesso.

Lascia sempre, all’interno del camper, un secondo telefono sempre alimentato e collegato a internet (vedi link di approfondimento all’ultimo paragrafo). In questo modo potrai fare 2 cose:

  • condividere la posizione, in tempo reale, col Google Maps del telefono che porterai con te per sapere sempre dov’è il camper;
  • tenere in funzione l’applicazione Alfred Camera per videosorvegliare il camper da remoto (vedere cosa succede, ricevere notifiche in caso di intrusione con videoregistrazione dell’accaduto e parlare con gli intrusi (minacciandoli ovviamente)!

Approfondimenti sulla sosta libera in camper (e link utili).

Sono sicura che molte delle tue paure sono appena svanite, ma se dovessi avere ancora dubbi ricordati che puoi fissare una consulenza privata telefonica con me per parlarne ancora meglio.

Come? Compila il modulo che trovi in fondo a questa pagina:

Oppure per far sì che sia proprio io a battezzarti nella tua prima uscita in libera col mio servizio “scuola di vita in camper itinerante”.

Link di approfondimento:

Oscuranti e tende per camper le trovi in promozione per i possessori della nostra tessera sconti visionabile qui:

Il consiglio d’oro

Ovviamente come diceva mio nonno da buon calabrese “cu si vardau si sarbau” (chi ha avuto prudenza si è salvato), ma come dico sempre io “l’unica paura che ho è quella di vivere una vita piena di paure!”

Quindi, forza e coraggio, c’è un mondo meraviglioso che ti aspetta proprio dietro l’angolo!

Vuoi ricevere GRATUITAMENTE la "guida pratica per vivere il camper", che ho preparato per te?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!