Come superare il giudizio interiore che frena le nostre scelte

Home

Come superare il giudizio interiore che frena le nostre scelte

20 Aprile 2021

Mollo tutto e vado a vivere in camper.

Ma sarò in grado di affrontare tutto ciò che mi aspetta?

Ma posso vivere una vita in camper?

Quante volte hai pensato di prendere la decisione di mollare tutto e intraprendere un nuovo stile di vita, ma il tuo dialogo interno, il tuo giudizio interiore ti ha frenato.

Spesso siamo noi stessi a trattarci più duramente di chiunque altro.

Per questo è importante portare l’attenzione alle voci interne: questo ti permetterà di cambiare il modo in cui parli a te stesso e di comprendere quando il tuo giudice interiore influenza le tue decisioni.

Vediamo 5 modi di come entra in azione il giudizio interiore per saperlo riconoscere e andare oltre.

#1. Non confrontare la tua vita ad una vita ideale

Spesso sei tentato di paragonare la tua vita ad ideale di vita che è bello solo sulla carta e che di fatto non esiste. E’ frutto dei condizionamenti che arrivano dall’esterno. Questo può portarti a sentirti in colpa se la tua realtà non è all’altezza di questo ideale.  In un mondo con rigide definizioni di successo e una costante esposizione ai risultati di chi ci sta intorno, è facile cadere nel tranello di non essere abbastanza o di non essere all’altezza.

E’ importante però riconoscere che ci sono un sacco di fattori al di fuori del nostro controllo: tu puoi solo controllare i tuoi sforzi; il risultato può essere fuori dal tuo controllo. E la tua felicità non dipende dai risultati: la tua felicità dipende da come vivi ogni giorno, le attività che scegli, il tempo che passi con le persone che ami e quanto sei gentile con te stesso nella tua testa.

Per questo se hai in mente un cambio vita, fai attenzione a non paragonarti nella tua testa agli altri. Non aver paura di non essere all’altezza della tua decisione: la tua felicità non dipenderà dal fatto di riuscirci oppure no, ma da come vivrai giorno dopo giorno la tua scelta di vita.

#2. Non sono i tuoi momenti peggiori che ti definiscono

Spesso il giudizio interiore porta a definire il tuo valore in base alle tue prestazioni e ai tuoi errori, come se fossero ciò che sei.

Pensi di dover dimostrare il tuo valore attraverso i risultati e ti preoccupi che i tuoi errori e sbagli possano definirti come persona. Questo perché spesso si ha fame di approvazione per evitare la delusione che accompagna un possibile fallimento.

E’ importante comprendere che se fallisci o commetti un errore nel prendere la tua decisione di cambio vita, non fai nulla di sbagliato, non devi sentirti in colpa per ciò che non riesci a fare, o vergognati di te stesso.

Puoi rompere questo circolo vizioso imparando a scollegare le tue azioni e i tuoi sforzi dalla tua identità: tutti possono commettere degli errori o avere momenti difficili. Ma è il modo in cui superi queste situazioni che ti definiscono come persona.

Quindi se scegli di cambiare vita e dovessi incappare in qualche errore, non sarai un fallito, ma avrai l’opportunità di crescere come persona attraverso il superamento degli ostacoli che incontrerai.

#3. Smettila di lottare con la convinzione di non essere abbastanza

Il tuo dialogo interno spesso ti porta a lottare con la falsa convinzione che non “siamo abbastanza”. Forse hai sviluppato questa convinzione perché ti sembra che niente di quello che fai vada bene o perché vivi in un ambiente che ti porta a paragonati costantemente agli altri.

O forse qualcuno ti ha detto direttamente che non sei abbastanza bravo. Riconosci che questa convinzione non ha niente a che fare con ciò che sei.

Se riconosci questa convinzione puoi iniziare a cambiare il monologo nella tua testa. Cambialo ricordando a te stesso in cosa sei bravo, i tuoi punti di forza, le tue qualità e la motivazione della tua scelta di cambio vita.

#4. Non pensare di dover essere perfetto

Spesso il tuo giudizio interiore ha manie di perfezionismo e qualsiasi segno di imperfezione scatena diverse paure, tra cui anche quella di perdere l’approvazione degli altri.

Proprio come hai già sperimentato in passato è possibile che alcune persone ti rifiuteranno se non soddisferai le loro aspettative. Quindi questo non dipende dalla tua decisione di cambiare vita. Ricorda di essere tu per primo ad accettare te stesso e le tue scelte anche quando gli altri non lo fanno.

#5. Lascia andare le convinzioni su cosa è giusto e cosa è sbagliato

Tutti noi abbiamo adottato delle convinzioni su ciò che è buono e cattivo, giusto e sbagliato e ci giudichiamo quando agiamo non in linea con queste convinzioni.

Siamo tutti portatori di convinzioni su ciò che è buono e giusto, derivanti dal nostro condizionamento passato o dall’ambiente in cui viviamo. E poiché vogliamo essere brave persone (essere degni, essere amati, essere accettati), sperimentiamo un immenso disagio interno quando pensiamo di fare qualcosa di “sbagliato”.

Facendo così, però finisci per soffocare le tue emozioni e ignorare i tuoi bisogni, mentre ti giudichi per tutto ciò che stai cercando disperatamente di reprimere.

Le emozioni e bisogni non se ne vanno. E per quanto riguarda i bisogni, se non li soddisfi, finisci per sentirti irrequieto e nervoso verso altre persone e situazioni.

Se la tua decisione di mollare tutto e cambiare vita è dettata da un tuo desiderio profondo, da un tuo bisogno e ti suscita emozioni che ti fanno stare bene, allora questa è la cosa giusta per te.

Superare il giudizio interiore che ti frena è un lavoro duro e richiede tempo per riconoscerlo e per cambiare le tue credenze. Potrebbe essere un processo di due passi avanti e un passo indietro.

La cosa bella insita in questo processo è che ti fornisce innumerevoli opportunità per esercitarti ad essere gentile con te stesso e ad amarti.

Superare il giudizio interiore farà sì che la scelta di mollare tutto e cambiare vita sia una scelta di libertà e senza rimpianti.

Contattataci qui o qui per prenotare una sessione di coaching o di counseling; la prima sessione è gratuita.

Vivere Shoshin

Autori articolo Enzo Giovinazzo e Antonella Chiodi, Life Coach & Counselor,
ideatori di VivereShoshin.it, un progetto dedicato allo sviluppo personale
Segui Vivere Shoshin su Facebook Instagram

Articoli correlati:

Come evitare che il giudizio degli altri influenzi le tue scelte

Andare a vivere in camper: dove trovo il coraggio?

12 modi per vincere la solitudine per vivere in camper

Hai ancora dubbi?

PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA!

PRENOTA SUBITO!