Avere un camper autonomo è possibile? Se si, come?

Home

Avere un camper autonomo è possibile? Se si, come?

09 Febbraio 2022

In tanti mi chiedono tutti i giorni come posso vivere e viaggiare in camper da settembre 2018 senza mai andare a ricaricare le batterie in campeggio o senza dover essere schiava di fastidiosissimi carichi e scarichi frequenti.
Semplice, ho reso il mio camper completamente autonomo da tutti i punti di vista!

D’altronde è o non è questo uno di motivi per cui vogliamo avere un camper? Ovviamente per essere liberi il più possibile e oggi vedremo come!

Gli accessori per un camper autonomo a livello energetico

Per avere un camper autonomo energeticamente, e quindi non dover per forza recarti presso aree di sosta o campeggi per attaccarci alla corrente 220, avrem bisogno di tre accessori: pannelli solari, batterie servizio e inverter.

Pannelli solari camper

Prima di tutto dovremo produrre energia e il miglior modo per farlo, dal punto di vista economico, pratico ed ecologico, avremo bisogno di un impianto solare.

Esistono diversi tipi di pannelli, ma ne abbiamo già parlato abbastanza nell’articolo di approfondimento di cui vi lascio il link nell’ultimo paragrafo!

Batterie servizi camper

Una volta prodotta l’energia dovrà essere accumulata in appositi “contenitori” ovvero le batterie servizi.

Anche qui ne abbiamo parlato in un articolo dedicato dove trovate tutte le varie tipologie con relative caratteristiche. Anche per questo vi rimando all’ultimo paragrafo.

Inverter camper

La corrente accumulata sarà disponibile a 12V per tutte le utenze predisposte per questo.

Se vorremo usare degli elettrodomestici alimentati a 220 avremo bisogno di un “trasformatore” chiamato inverter.

Per informazioni aggiuntive vi rimando all’articolo (all’ultimo paragrafo).

Camper autonomo e serbatoi

Tutti sappiamo che un camper ha una risorsa d’acqua limitata che è direttamente proporzionale alla capacità dei vari serbatoi di raccolta: acque chiare, grigie e nere!

Ovviamente, più grossa è la capacità dei serbatoi, più lungo sarà il tempo che trascorrerà tra un “carico e scarico” e un altro!

Serbatoio di acque chiare

Le acque, cosiddette potabili (o chiare), che ci servono per lavarci o lavare piatti etc, sono contenute in un serbatoio di accumulo che normalmente ha una capienza di 80/100 litri per un camper e di 60/80 litri per un furgone.

Quello che non tutti sanno è che, in base allo spazio che abbiamo a disposizione sotto al telaio, c’è la possibilità di aggiungere un secondo serbatoio. Questo ci permetterà a volte di anche duplicare (o più) la capacità di acqua potabile.

Serbatoio di acque grigie

Qui è dove vengono raccolte le acque chiare usate per lavarci e quindi sporche si saponi e detergenti vari.

Anche qui avremo la possibilità di ampliare la capacità degli stessi.

Le acque nere

Questo forse è il tasto più dolente perchè, a meno chè non si abbia un wc nautico, la capienza della nostra cassetta sarà di circa 6 giorni per una singola persona, di conseguenza 3 per 2 persone, 2 per 3 persone e così via.

Come fare quindi?

Tranquilli, sempre nell’ultimo paragrafo vi lascio il link di approfondimento del mio amato maceratore che mi ha letteralmente cambiato la vita.

Con questo e un serbatoio di raccolta aggiuntivo, potrete moltiplicare la vostra autonomia per anche 5 o più volte!

Camper autonomo e articoli di approfondimento

Come abbiamo visto, il nostro camper potrà essere autonomo all’infinito dal punto di vista energetico. Dal punto di vista “idrico” anche fino a una settimana o più, in base soprattutto al numero di persone, alla capienza dei serbatoi e alla bravura che avremo nel risparmio di acqua.

Come promesso vi lascio i vari link di approfondimento:

Se hai ancora bisogno di informazioni o vuoi essere aiutato nella scelta di accessori per rendere autonomo il tuo camper sulla base delle tue, e solo tue, esigenze clicca qui:

Hai ancora dubbi?

PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA!

PRENOTA SUBITO!