Fulltimers, 5 step fondamentali per iniziare a vivere on the road

Home

Fulltimers, 5 step fondamentali per iniziare a vivere on the road

23 Febbraio 2021

Nell’articolo di oggi parleremo della possibilità di vivere e viaggiare senza avere una dimora fissa e degli step fondamentali per diventare fulltimers. 

Ma chi sono i fulltimers? e da dove nasce questo movimento? 

La parola “fulltimer” tradotta dall’inglese significa letteralmente “a tempo pieno”. I fulltimers infatti sono persone che decidono di passare lunghi periodi dell’anno on the road, e scelgono di trasferire la propria abitazione a tempo pieno su quattro ruote; in un camper o un van ad esempio. 

Possiamo dire che questo “movimento nomade” esiste da sempre ma che è diventato popolare soprattutto durante gli anni ‘70 con l’avvento della cultura hippie. Il celebre furgoncino della Volkswagen è ancora tutt’oggi un simbolo di libertà impresso nella nostra mente e sono molti i viaggiatori che decidono di intraprendere memorabili avventure a bordo di questo veicolo. 

Durante gli anni ‘90 la maggior parte dei fulltimers erano pensionati,che dopo una vita trascorsa a lavorare e a risparmiare decidevano di concedersi l’opportunità di vivere on the road per lunghi periodi. 

Al giorno d’oggi le cose sono cambiate. Sono sempre di più i giovani che grazie alle nuove tecnologie e alla possibilità di lavorare da remoto, come nomadi digitali, decidono di fare del camper la propria casa.

Se anche tu ti rivedi in questa descrizione e stai pensando di iniziare a vivere e viaggiare senza fissa dimora, di seguito troverai 5 step fondamentali che dovresti seguire per diventare un fulltimer. 

1 Ridimensionare i tuoi beni 

Il primo passo che ti ritroverai a compiere durante il tuo percorso per diventare un fulltimer sarà quello di ridurre i beni che possiedi. Dovrai compiere il cosiddetto “downsizing”  o ridimensionamento. Come ben saprai infatti, lo spazio in un camper è limitato e non potrai portare con te qualsiasi cosa. 

Una buona soluzione potrebbe essere quella di organizzare un garage sale, per vendere gli oggetti che non usi più, come si vede spesso nei film americani, oppure potresti donarli ad associazioni caritatevoli o regalarli. Potresti anche optare per  uno storage place; un magazzino per conservare i tuoi beni. Ricordati però che solitamente questi luoghi hanno un costo da pagare di volta in volta per essere utilizzati.

Inizia a selezionare gli oggetti che ritieni più importanti; quelli di cui non puoi proprio fare a meno. Se ti può essere d’aiuto, prova ad immaginare ad esempio di dover preparare uno zaino e mettere al suo interno tutto ciò di cui potresti aver bisogno durante un viaggio di un anno. Cosa porteresti con te? Cosa lasceresti a casa invece? 

Molti fulltimers hanno scelto di adottare uno stile di vita minimalista, potresti pensare di farlo anche tu. 

2 Scegliere il camper giusto ispirandoti ai fulltimers più esperti

La scelta del camper è un passaggio molto importante per un fulltimer. Sarà la tua casa su ruote non dimenticarlo! 

Nel mercato ci sono diversi tipi di camper; dedica il giusto tempo per trovare quello che più rispecchia le tue esigenze. Se sei alle prime armi e non sai da dove iniziare ti consiglio di leggere il nostro articolo, che ti potrà aiutare a capire quali sono le caratteristiche più importanti da considerare quando si deve scegliere il camper giusto in cui vivere. 

Una buona idea potrebbe essere quella di iniziare acquistando un buon camper usato

3 Dichiarare la tua residenza fittizia come soggetto senza fissa dimora 

Un aspetto da non sottovalutare quando si decide di voler vivere in camper è la propria residenza. In sua assenza infatti, si verrebbe privati di alcuni diritti fondamentali quali ad esempio l’assistenza sanitaria, la possibilità di votare oppure il conseguimento o il rinnovo di documenti di idoneità come la patente di guida. 

Ma come funziona la gestione della residenza quando si decide di vivere in camper?

Ci sono una serie di questioni burocratiche con cui dovrai fare i conti. Fra le altre cose ad esempio dovrai presentare all’Ufficio Anagrafe una dichiarazione di residenza fittizia come soggetto senza fissa dimora. Se sei interessato all’argomento, sappi che il nostro team può aiutarti ad ottenere la residenza fittizia per vivere in camper.

4 Gestire la corrispondenza come i fulltimers

Come si fa a ricevere la corrispondenza essendo costantemente in movimento? Questa è sicuramente un’altra questione a cui dovrai pensare se deciderai di diventare un fulltimer. 

Ci sono diverse modalità con cui potrai ricevere prodotti in camper . Si può utilizzare ad esempio il Fermo Posta di Poste Italiane oppure farsi recapitare la posta ad un nuovo indirizzo tramite il servizio SEGUIMI. In alternativa potresti metterti in contatto direttamente con il corriere, utilizzare il servizio di giacenza presso negozi autorizzati o utilizzare i lockers messi a disposizione da Amazon. 

5 Organizzare il tuo lavoro in camper 

Come dicevamo all’inizio di questo articolo, sono sempre di più le persone che decidono di lavorare da remoto a bordo della loro casa su quattro ruote. Le professioni che potresti svolgere online sono moltissime e in costante aumento, nonostante la grande diffidenza ancora diffusa in Italia. Ci sono diverse alternative a cui potresti pensare per mantenerti in camper mentre viaggi. Potenzialmente potresti fare qualsiasi cosa richieda solo un computer ed una connessione ad internet. Ad esempio se la tua passione è scrivere, potresti proporti come copywriter oppure se ti piacciono la fotografia e i video perchè non fare il fotografo on the road? La scelta è solo tua! 

Un’alternativa sempre valida per mantenerti in camper potrebbe essere quella dei lavori offline. Molti fulltimers decidono infatti di fermarsi per periodi più lunghi in una località per lavorare e risparmiare in vista di ripartire per un nuovo viaggio. C’è chi si affida ai lavori stagionali, chi invece a piattaforme digitali quali WWOOF oppure Workaway, come racconta Stefania nella sua intervista.

Le possibilità sono veramente tante e spetta solo a te organizzare al meglio il tuo lavoro in camper in base alle tue esigenze. Ricordati inoltre che il costo per vivere in camper sarà sicuramente molto inferiore rispetto a quello di affitto di un appartamento o di un mutuo per una casa e tutto ciò andrà a tuo vantaggio.

Tecnologia, Computer Portatile, Computer, Il Lavoro

Viaggiare e vivere in camper come fulltimers non è per tutti. Bisogna buttarsi e rischiare sapendo che non si avranno sempre delle certezze. Allo stesso tempo però, se deciderai di intraprendere questa strada scoprirai la bellezza di diventare cittadino del mondo, imparerai a dare valore alle cose veramente importanti e a rallentare il ritmo della tua vita uscendo dalla routine di tutti i giorni.

“Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo”

Lao Tzu

E tu, sei pronto per fare questo passo e diventare un fulltimer? O devi ancora trovare il coraggio?

Hai ancora dubbi?

PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA!

PRENOTA SUBITO!